Coltivare il Fagiolo di Spagna (o Fagiolo Corona) - Coltivare l'orto

Vai ai contenuti

Menu principale:

Coltivare il Fagiolo di Spagna (o Fagiolo Corona)

Antologia > Tutti gli argomenti > Fagioli
 
Il fagiolo di Spagna, detto anche Fagiolo Corona


Fagiolo di Spagna bianco, la varietà più diffusa.
Il fagiolo   di Spagna è originario dell'America del Sud. Ha semi   appiattiti di grandi dimensioni, e viene consumato sia   fresco che secco. Questo fagiolo, conosciuto anche come runner beans nei paesi di lingua inglese,   appartiene ad una specie diversa rispetto al fagiolo   comune.
Infatti, il nome scientifico della specie è Phaseolus coccineus, mentre il fagiolo classico appartiene alla specie Phaseolus vulgaris.  E' molto coltivato, non solo per la produttività, ma anche per la bellezza della pianta. Inizialmente venne introdotto in Europa solo per le sue proprietà ornamentali. Successivamente si cominciarono ad apprezzare le proprietà nutritive, e oggi è il fagiolo più coltivato nel Regno Unito.
I fiori possono essere bianchi, rossi o a colorazione mista, bianco più diverse varianti di rosso. In Italia si attua per lo più la coltivazione dei fagioli di Spagna a fiore bianco, più adatti ai climi  temperati e caldi.
La coltivazione è del tutto simile a quella dei fagioli normali. Per quanto esista qualche varietà nana, in Italia si coltivano le varietà rampicanti che assicurano una produzione più abbondante e più prolungata nel tempo, anche se meno precoce.



Fiori del Fagiolo di Spagna

In generale, possiamo riassumere le caratteristiche positive e negative in pochi punti.
A favore:
- la coltivazione è facile;
- la produttività è alta;
- si possono raccogliere i baccelli freschi per lungo tempo, mentre verso la fine del ciclo produttivo si può sospendere la raccolta e lasciare che i baccelli secchino sulle piante, per ricavare fagioli secchi;
- i semi si possono conservare sia freschi (in congelatore) che secchi;
- si tratta di un cibo nutriente e saporito;
- come tutte le leguminose, sintetizza autonomamente l'azoto dal terreno, e lo lascia arricchito al termine della coltivazione.
Contro:
- la coltivazione necessita di sostegni più che robusti, poiché la pianta è molto vigorosa, può raggiungere i tre metri di altezza e offre una notevole resistenza al vento. In effetti si predispongono sostegni a rete plastica, sostenuti da pali robusti e ben piantati nel terreno, non più alte du due metri fuori terra. La parte che eccede questa altezza può essere fatta ricadere verso il basso;
- è una pianta che richiede una irrigazione frequente e abbondante. Tutti i fagioli devono essere innaffiati almeno una volta al giorno nei mesi più caldi.
- a volte può avere difficoltà di impollinazione. Per attirare gli insetti impollinatori si può seminare qua e là, tra le file, qualche pisello odoroso.



Fagiolo di Spagna Emergo.

La semina
La semina si può fare direttamente a dimora. Scavate un solco profondo circa 10 cm e bagnatelo sul fondo. Mettete i fagioli a distanza di 10/15 cm uno dall'altro e ricoprite con 5-6 cm di terra umida. Pressate leggermente la terra lungo il solco, premendo leggermente con il piede. Non innaffiate finché le piantine saranno emerse, perché innaffiando compatterete il terreno rendendo più difficile l'emersione dei germogli.
Le file devono essere distanziate di  90-100 cm una dall'altra soprattutto perché, al momento della raccolta, dovrete passarci in mezzo, e lo spazio rimanente sarà molto poco.
L'emersione avviene in dieci giorni circa. Per avere una emersione più veloce e regolare, prima di seminare i fagioli metteteli a bagno per 24-36 ore in acqua, o meglio in camomilla inizialmente tiepida.



Fagiolo di Spagna bianco Kontra (Catalogo Baumaux).

Semina in vivaio.
La semina diretta in campo può dare molti problemi, non ultimo quello relativo alla mancata emersione di lunghi tratti sulla fila. Può dipendere da una profondità di semina irregolare, da parassiti terricoli o uccelli che hanno predato i semi, o da altre cause.
Per evitare questi problemi ed avere una coltivazione regolare si possono coltivare preventivamente le piantine in vivaio, in vasetti singoli, da trapiantare quando hanno emesso 4-5 foglie. Si può mettere un solo seme per contenitore.
In alternativa, si possono coltivare così una certa quantità di piantine, che verranno utilizzate per riempire gli eventuali vuoti  sulle file. Non conviene assolutamente riseminare direttamente nei vuoti, perché le piante circostanti, più alte e vigorose, soffocheranno quelle che nasceranno dopo.



Fagiolo di Spagna Liberty (Catalogo Baumaux).

Ciclo colturale
Seminate il fagiolo di Spagna solo quando sarete ragionevolmente sicuri che non ci sono più pericoli di gelate.
Solitamente si semina da aprile, nelle regioni calde, a maggio. La temperatura media ottimale pper la crescita è di 20-25 °C. Se la temperatura scende sotto i 3-4 °C i fagioli muoiono.
Il primo raccolto si può fare dopo 70-90 giorni dalla semina, secondo le varietà. Dopo il primo raccolto si può continuare a raccogliere ogni 7-10 giorni, per un paio di mesi circa. Gli ultimi baccelli si lasciano seccare sula pianta per ottenere granella secca.



Fagiolo di Spagna bianco (Catalogo Franchi sementi).

Cure colturali
Occorre tenere pulito il terreno, eliminando tutte le erbe infestanti, specialmente nel periodo iniziale della coltivazione.
Il fagiolo trae beneficio da concimazioni basate su fosforo e potassio, che favoriscono la fioritura, la grandezza dei frutti ed il loro sapore.
E' preferibile evitare le concimazioni azotate, che producono solo fogliame rigoglioso a scapito della produzione di baccelli. I fagioli sanno ricavare da soli l'azoto dal terreno.
Irrigate frequentemente e costantemente: l'aridità, anche per periodi brevi, può compromettere tutta la produzione successiva della pianta, e sicuramente blocca la fioritura.
Non irrigate assolutamente mai a pioggia: favorireste solo le muffe e le aggressioni di pidocchi, e potreste danneggiare le fioriture in atto e gli insetti impollinatori. Innaffiate sempre a scorrimento, riempiendo di acqua i camminamenti tra le file.



Fagiolo di Spagna a fiore rosso.





Consociazioni
Assieme ai fagioli di Spagna potete coltivare altre varietà di ortaggi, che possono trarre beneficio reciproco. Tradizionalmente si coltiva il mais assieme ai fagioli, perché i sui steli possono offrire un ulteriore appoggio all'arrampicamento. Si possono coltivare anche i cetrioli, che possono beneficiare dei sostegni dei fagioli. Inoltre gli insetti impollinatori richiamati da una specie serviranno anche l'altra.



Il fagiolo di Spagna è una pianta vigorosa che va sostenuta con dei sostegni robusti.

Cause di insuccesso
Se la produzione è scarsa, negli anni seguenti valutate di corregegre le cause, che possono essere una o più di quelle elencate qui sotto:
- Impollinazione insufficiente: Il fagiolo di Spagna viene impollinato dagli insetti, che possono mancare se l'area di coltivazione è troppo ventosa.
- Temperatura inadeguata: quella più adatta varia dai 14 ai 29 gradi di giorno, e non dovrebbe scendere sotto i 14 gradi di notte. Non abbiate fretta di fare la semina, finché la temperatura non si è stabilizzata attorno a questi valori.
- Scarsa irrigazione. La mancanza di acqua o l'incostanza di irrigazione causano baccelli deformati e con pochi grani per impollinazione irregolare e caduta dei fiori.
- Scarsa luminosità. L''area di coltivazione deve essere esposta a pieno sole, cioè deve ricevere sole diretto per tutta la giornata. Le zone a mezz'ombra non sono adatte. La pianta può crescere anche ricevendo il sole per mezza giornata, ma la produzione sarà ridotta dal 60 al 90% e si ammalerà facilmente.



Il fagiolo di LIMA (o Fagiolo del Papa) appartiene ad una varietà diversa (Phaseolus lunatus) ma abbastanza simile esternamente al fagiolo di Spagna.

Buon orto a tutti !!!
Torna ai contenuti | Torna al menu