La Portulaca oleracea, o erba porcellana, una gustosa erba spontanea - Coltivare l'orto

Vai ai contenuti

Menu principale:

La Portulaca oleracea, o erba porcellana, una gustosa erba spontanea

Antologia > Tutti gli argomenti > Erbe spontanee dell'orto
 
La Portulaca oleracea, o erba porcellana, una gustosa erba spontanea

La Portulaca oleracea è una pianta spontanea chiamata in diversi modi nelle diverse regioni italiane: procaccia, erba grassa, purselana, barzellana, precacchia, porcacchia, chiaccunella, sportellecchia, andraca, purciaca
La Portulaca (Portulaca oleracea) detta anche erba porcellana, è una pianta succulenta annuale originaria dell'America meridionale, diffusissima nei nostri orti dove cresce spontaneamente.



La Portulaca oleracea, erba spontanea commestibile
Dalla base si dirama in fusti rossastri e carnosi, con un portamento strisciante, per cui le varietà coltivate in floricoltura possono essere usate anche come piante tappezzanti. Le foglie sono verde chiaro, cilindriche, succulente.


Nella coltivazione in vaso tutte le erbe spontanee sono state eliminate ma non la portulaca.
Dal mese di giugno comincia a emettere fiorellini rosa  che si chiudono con il buio. Cresce bene in pieno sole e con l’arrivo dei primi freddi deperisce rapidamente, non prima di aver sparso attorno i suoi semi.  Preferisce i terreni di tipo sabbioso ma cresce bene in qualsiasi altro tipo.



Portulache nate spontaneamente in un vaso con melanzana e cipolle consociate.

Le portulache prosperano nei terreni sciolti e sabbiosi, ma si adattano a qualunque terreno
La  portulaca tende ad allargarsi molto, ed i getti più lunghi radicano a contatto con il terreno come fanno,  per esempio le fragole.
I fusti, i fiori e i semi di portulaca sono commestibili ed hanno un sapore caratteristico, per cui  vengono spesso consumati in insalata, da soli o misti.



La portulaca, ben lavata, può essere usata per guarnire varei pietanze e può essere consumata assieme a insalate miste di ogni genere, scegliendo le foglie più tenere dei getti apicali.


Le ramificazioni più grosse e tenere della portulaca possono essere conservate sott'olio in vasetti di vetro dopo una brevissima bollitura, condite con spezie a piacere. Si tratta senz'altro di una conserva facile ed originale per antipasti creativi
Buon orto a tutti !!!
Torna ai contenuti | Torna al menu