Coltivare le cipolle partendo dai bulbilli per una produzione precoce - Coltivare l'orto

Vai ai contenuti

Menu principale:

Coltivare le cipolle partendo dai bulbilli per una produzione precoce

Antologia > Tutti gli argomenti > Bulbilli di cipolla
 
Coltivare le cipolle partendo dai bulbilli

Un metodo di coltivazione della cipolla ancora poco conosciuto, ma che si sta diffondendo, consiste nel partire dai bulbilli anziché da seme.  I bulbilli possono essere acquistati presso I rivenditori di sementi, ma possono anche essere prodotti in proprio
In genere si trovano confezioni da 250, contenenti 150-200 bulbilli, più che sufficienti per un orto: dobbiamo considerare anche che, contrariamente a quanto avviene per il seme, ogni bulbillo, se ben trattato, dà sicuramente una cipolla precoce e con buona pezzatura.
Ma quali sono i vantaggi della semina tramite bulbilli anziché sementi? Anzitutto questi sono più facili da maneggiare rispetto al seme, e danno sicuramente adito ad una produzione che l’impiego di sementi non garantisce sempre. Infatti la produzione di cipolle partendo dal seme non è tra le più facili. I bulbilli non hanno bisogno di essere precoltivati in vivaio, nè sfoltiti né trapiantati. Del resto chi l’ha praticata, sa che la semina diretta in terra con semente di cipolla produce una grande dispersione del seme stesso e mancate germinazioni.



Bulbilli di cipolla rossa, dal Catalogo Ingegnoli

La coltivazione da bulbillo è particolarmente adatta nei terreni tendenzialmente umidi, infatti le cipolle tendono a prefiorire se vengono a mancare di acqua. Se riteniamo che sia svantaggioso produrre una sola cipolla da un solo bulbillo, dobbiamo valutare che questo accade anche quando acquistiamo le piantine di insalata o altri ortaggi. In effetti, in ragione di peso, un bulbillo produce molto più di una piantina di lattuga e probabilmente costa di meno.


Bulbilli di cipolla gialla F1, dal catalogo Ingegnoli

Dunque, se abbiamo avuto difficoltà nel coltivare le cipolle nel nostro orto, le soluzioni possibili sono almeno tre:
- non seminiamo direttamente in  terra, ma produciamo le piantine in contenitori alveolari. Un piccolo segreto per avere cipolle più grosse: ripicchettate più volte, cioè ripiantate la piantina almeno tre volte, ogni quindici giorni circa, in contenitori sempre appena un poco più grandi, prima del trapianto definitivo. Il ripichettaggio è uno dei segreti più custoditi dai vecchi ortolani, per avere cipolle più grandi.
- sempre per questo principio, ricorrete all’acquisto di bulbilli per le vostre semine. Le cipolle prodotte da bulbilli sono più piene e corpose di quelle piantate direttamente nella loro destinazione definitiva.
- infine, potete acquistare nei mercatini delle piantine di cipolla già formate e pronte da trapiantare: solitamente si vendono a 1 euro per un mazzo da 40, il che comunque rappresenta un prezzo superiore rispetto ai bulbilli



Bulbilli di cipolla bianca, dal Catalogo Ingegnoli

La cipolla è molto sensibile al tipo di terreno in cui viene coltivata. Non ama I terreni duri e argillosi, e predilige quelli a medio impasto, permeabili: questo appare comprensibile, se consideriamo che la cipolla ha bisogno di espandersi nel terreno.
Per seminari  i bulbilli, dopo aver smosso il terreno con una vangatura  e dopo averlo livellato con un rastrello, spingete semplicemente I bulbilli con le dita a una profondità di un cm. In questo modo eviterete di creare solchi troppo profondi nei quali spargere I bulbilli, ma soprattutto potrete curare, uno per uno, che il verso della semina sia quello giusto, cioè con la punta in alto. Infatti, spargendo I bulbilli nel solco, bene che vada questi si collocherebbero in piatto rendendo più laboriosa l’emersione del fusticino.



Bulbi Cipolle commercializzati da Peraga (Confezioni da 250 gr  o 400 gr)
Messa a dimora dei bulbi di cipolla: Se si opta per la messa a dimora dei bulbi o dei bulbilli formatisi sull’infiorescenza, si ottiene un accorciamento del ciclo colturale di circa 20 giorni e una forma più perfetta dei bulbi. È importante rispettare l'esatta posizione nel disporre i bulbi sul terreno;
I bulbi possono essere impiegati per l’impianto di cipolle da consumarsi fresche.
Si interrano ad inizio autunno/inizio Primavera in file distanti 35 –40 cm e a circa 15 cm sulle file. Dopo 60 – 120 giorni si effettua la raccolta. Si possono trovare sul sito della Peraga.
Nella semina rispettate le distanze di 30 cm circa tra le file, se volete poter passare in mezzo per le lavorazioni, e di 10-15 cm sulla fila, a seconda della varietà. Innaffiate subito dopo la semina e attendete l’emersione che avviene dopo pochi giorni, mediamente una diecina. Mantenete sempre pulita dalle erbacce l’aiuola, per evitare che queste, che solitamente crescono più veloci della cipolla, si ingrandiscano fino a soffocarla.



La Baumaux commercializza semi adatti alla produzione di bulbilli.
La  MULHOUSE TYPE AUXONNE  è una varietà tradizionale: si semina fitta in maggio-giugno e si raccoglie in agosto-settembre. I piccoli bulbi si ripiantano poi in marzo-aprile, e si sviluppano più rapidamente delle piantagioni per seme. Si possono trovare sul sito della Baumaux http://www.graines-baumaux.fr/
SEMPRE PRESENTI SUL TUO CELLULARE
Nella pace del tuo orto...
mentre l'insalata cresce...
TIENITI INFORMATO!
TROVI UTILE QUESTO SITO? ALLORA...
SCARICA L'APP
GRATUITA
App-Store o Google Play (riconoscimento automatico).
Sarai sempre aggiornato su tutte le novità, nel momento stesso in cui vengono messe in rete.
Puoi scaricare l'App FeedReady che segnalerà sul tuo dispositivo mobile tutte le novità. Una volta scaricato FeedReady ti verrà chiesto di inserire il link. Devi digitare:
https://www.orto.one/x5feedready.xml
Se questo link non ti viene chiesto immediatamente, seleziona di nuovo l'App Feedready e lo potrai inserire.
Da quel momento sarai collegato IN TEMPO REALE a tutte le nostre attività.
Buon orto a tutti !!!
Torna ai contenuti | Torna al menu